Home / AtuttaSICUREZZA / ESISTONO RAZZE DI CANI “PERICOLOSE”?

ESISTONO RAZZE DI CANI “PERICOLOSE”?

Non amiamo considerare alcune razze di cani più pericolose di altre, la pericolosità di un cane è causata da molti fattori: il carattere dell’animale, come egli è stato educato, la situazione ambientale in cui si trova e molto altro.

È pur vero che alcune razze hanno delle caratteristiche fisiche e caratteriali che le rendono meno adatte a interagire con bambini o altri cani.

Cani come pit bull o rottweiler hanno per costituzione una forma della mandibola più pericolosa in caso di morso (anche non volontario), detta a tenaglia, che causa lesioni maggiori rispetto al morso di barboncini o labrador.

Anche l’attitudine comportamentale non è un fattore di poco conto: alcune razze sono state create artificialmente dall’uomo attraverso incroci per renderle più competitive e territoriali, con una capacità di reazione più veloce di quella umana.

Cosa dice la normativa?

La legge ha introdotto una prima ordinanza nel 2006 intitolata “Tutela dell’incolumità pubblica dall’aggressione di cani”. Essa introduceva una lista di razze pericolose in cui comparivano 17 razze tra cui pitt bull, togo, mastino napoletano, rottweiler.

Nel 2009 è entrata in vigore una nuova ordinanza, che, a differenza della precedente, non contiene più una lista di razze pericolose ma definisce una serie di comportamenti che qualsiasi padrone di cane deve attuare per prevenire incidenti:

a) usare sempre un guinzaglio con misura non superiore ad 1,50m durante la conduzione dell’animale nelle aree urbane e nei luoghi aperti al pubblico, eccetto le aree per i cani individuate dai comuni;

b) portare con sé una museruola, rigida o morbida, da applicare al cane in caso di rischio;

c) affidare il cane a persone in grado di gestirlo correttamente.

La legge quindi fa un passo indietro dicendo esplicitamente che “non è possibile stabilire il rischio di una maggiore aggressività di un cane sulla base dell’appartenenza a una razza o ai suoi incroci” e sottolinea l’importanza di adottare misure che riducano i rischi di incidente per qualsiasi tipo di cane.

Cosa fare per evitare incidenti

Le misure previste dalla legge sono sicuramente la base per evitare che avvengano incidenti tra cani o che l’animale morda una persona mentre ci si sposta in città.

Oltre a queste vi consigliamo quindi di rivolgervi ad un educatore di cani sin da quando il vostro cucciolo arriva a casa, in modo da insegnargli come comportarsi ed addestrarlo ad ascoltarvi in tutte le situazioni.

Inoltre, se portate un nuovo cane in una casa con bambini o se nasce un bebè in una famiglia con un cane, è sempre bene prestare molta attenzione al nuovo rapporto tra i due. Evitate di lasciare bambini troppo piccoli da soli con cani perché essi non sanno come trattare con gli animali e, anche involontariamente, potrebbe causare un fastidio e un conseguente morso.

Un ultimo consiglio riguarda l’assicurazione: per mettervi al sicuro al 100% e non trovarvi a dover pagare risarcimenti elevati in caso di danni provocati dal vostro cane, assicuratelo! Sono molte le assicurazioni che tutelano voi in caso di danni a persone o cose e il vostro amico a 4 zampe in caso di malattie, rimborsando anche le spese veterinarie. Una buona scelta è Su la zampa proposta da rendimax assicurazioni: vi protegge su tutto e non fa eccezione di razze, quindi, anche sei il vostro cane è “un po’ più a rischio”, potrete assicurarlo.

Leggete tutti i dettagli e acquistatela qui:

https://www.rendimaxassicurazioni.it/assicurazioni/assicurazione-cane-e-gatto-su-la-zampa/