Home / Le storie / GRAVIDANZA E CANI

GRAVIDANZA E CANI

Si sa che con una gravidanza ci sono molte precauzioni che è necessario prendere per non creare complicazioni al proprio bimbo. Molte di queste sono atte ad evitare la contrazione della toxoplasmosi. Come ci si deve comportare nel caso si abbia una cane in casa? Bisogna preoccuparsi?

Leggete questa storia per saperne di più:
“Aveva chiesto un appuntamento per una consulenza, la feci accomodare e le chiesi quale fosse il problema. Sospirò e mi disse “ sono incinta”. Interdetto le chiesi  “e io che c’entro” sorrise e mi spiegò che aveva un cane che amava moltissimo, e del quale, però, si doveva disfare perché glielo aveva imposto la suocera per via della toxoplasmosi, mentre due grosse lacrime le rigavano le guance. Cercai  con un sorriso di tranquillizzarla e presi a dirle che poteva benissimo informare la suocera che il cane con la trasmissione della toxoplasmosi non aveva nulla a che vedere, che sì poteva essere infestato, qualora la sua dieta fosse stata a base di carne cruda proveniente da un animale infetto, ma che comunque non essendo il cane un eliminatore attraverso le feci, la trasmissione non poteva mai e poi mai avvenire se non mangiandone le carni crude. La signora rabbrividì a questa mia ultima affermazione ma, mi parve rallegrarsi per quello che le avevo detto, poi quasi a bassa voce, mi disse che aveva pure un gatto. Le chiesi se aveva fatto l’esame Torch, mi rispose di si e che era risultato negativo. Iniziai a spiegarle che se il gatto era vissuto sempre in casa e non aveva mai mangiato carne cruda poteva stare tranquilla, ma che, comunque, doveva prendere delle precauzioni quali ad esempio di non pulire la lettiera e lasciare questa incombenza al marito o alla suocera, che per togliersi ogni pensiero poteva sottoporre il gatto ad una visita e ad un esame sierologico e di fare un esame coprologico sia al gatto che al cane per eventuali parassiti interni e a prestare attenzione al mantello di entrambi per evidenziare l’eventuale presenza di parassiti esterni. In ultimo le raccomandai di mangiare verdure crude solo se lavate accuratamente e di evitare la carne cruda o cotta al sangueUscì dalla clinica con un sorriso e molto sollevata, mentre io nel salutarla mi chiedevo “ Riuscirà a convincere la suocera?” “
Articolo di www.animalblog.it