Home / Penne senza inchiostro / FEBBRE PRIMAVERILE, ANCHE PER GLI ANIMALI!

FEBBRE PRIMAVERILE, ANCHE PER GLI ANIMALI!

In primavera ci sentiamo più rilassati, le giornate sono lunghe, le temperature si alzano. Questo processo è essenziale soprattutto per gli animali poiché per la maggior parte delle creature questi due elementi hanno un grande effetto sui loro comportamenti.

Gli animali si attivano in primavera, si svegliano dal letargo, migrano dai posti caldi, entrano in calore. Tutti elementi di abbondanza e vita.
Love is in the Air! 

La primavera è la stagione dell’accoppiamento. Gli alberi diventano casa per moltissimi uccelli, il loro cinguettare serve ad attrarre i compagni. L’uccello del paradiso (famiglia Paradisaeidae), durante il corteggiamento, si appende a un ramo a testa in giù battendo le ali e dispiegando le penne ornamentali. Le allodole maschio (Alauda arvensis) si librano nel cielo per cantare la serenata, poi piombano giù in una picchiata mozzafiato frenando solo all’ultimo. Il gallo cedrone (Tetrao urogallus Linnaeus), dopo essersi scontrato con tutti gli altri maschi (nella stagione degli amori diventa talmente aggressivo che attacca anche gli uomini pensando che siano rivali d’amore) salta, vola, apre le ali e canta in posizioni contortissime. I maschi di fregata delle Galapagos (Fregatidae) gonfiano un impressionante petto rosso. Quando una femmina di pavone (Pavo cristatus Linnaeus), mentre il maschio fa la ruota, si avvicina a un maschio per esaminarne il ventaglio, questi si gira voltandole le terga, cioè la parte non decorata della coda. Una femmina che non si prende la briga di aggirare il maschio non è interessata ad esaminare il suo vessillo di penne e quindi probabilmente non è neanche interessata ad accoppiarsi. È stato dimostrato che i pavoni dalla coda più lunga e folta generano pulcini più forti e più svegli.