Home / Acqua&Terra / TOSATURA DELLE PECORE, TRA MITO E REALTA’

TOSATURA DELLE PECORE, TRA MITO E REALTA’

Di tanto in tanto appaiono filmati, immagini o articoli che mostrano tosature in condizioni estremamente aspre per gli animali, creando tante incomprensioni. La tosatura è veramente portata avanti in questo modo?

Dobbiamo partire dal concetto per cui la pecora necessita della tosatura per il suo benessere. Le pecore non esistono in natura, sono il prodotto di una selezione operata dall’uomo per rendere il muflone domestico. Contrariamente ai mufloni da cui discendono le pecore non effettuano la muta, cioè non perdono mai il vello invernale. Questo significa che la pecora non tosata arriva all’estate a dover sopravvivere al caldo portandosi sulle spalle il vello che si è formata per resistere alle temperature invernali. Se non tosata per due anni dovrà sopravvivere all’estate portandosi sulle spalle il vello di due inverni e così via. Una pecora non tosata è quindi destinata a una probabile morte per colpo di calore. Dopo diversi anni di mancata tosatura, qualora l’animale riesca a sopravvivere al caldo, il vello può diventare così ingombrante e pesante da impedirgli di muoversi, condannandolo quindi a un’ancora più penosa morte per inedia. Infine, va notata la quantità di parassiti che possono annidarsi in un vello: dopo la crescita dei velli invernali le pecore sono generalmente impossibilitate a liberarsi dei parassiti (che nei mufloni vengono in gran parte trascinati via dalla muta) e quindi la tosatura serve anche a eliminare i parassiti che, oltre ad arrecare un forte fastidio all’animale, possono trasmettergli malattie. Possiamo quindi affermare che la tosatura va di pari passo con le pecore. Sono state stabilite leggi precise che regolano il modo in cui le pecore devono essere tosate in modo da salvaguardare la loro salute e il loro benessere. Gli allevatori responsabili non danneggiano l’animale ma praticano questa tecnica in primis per permettere all’animale di stare bene e quindi effettuano la tosatura molto spesso in modo da non fare diventare questa pratica lunga o dolorosa.